Amplificatori professionali: quali scegliere per il lavoro? Articoli e costi

Musica che passione ma per qualcuno quest’ambito rappresenta anche un lavoro. Apprezzare semplicemente un suono pulito non è tutto. In lavorativo occorreranno amplificatori per cuffie professionali in modo da sentire ogni minima sfumatura del suono ed eliminare qual si voglia distorsione.

Per ricavare il massimo dalle cuffie servirà quindi una strumentazione adeguata.

Come funziona un amplificatore per le cuffie

In linea di massima il funzionamento è identico agli amplificatori per qualsiasi strumento come ad esempio un basso oppure una chitarra. A cambiare ovviamente sono le funzioni ma soprattutto, la dimensione. Questo perché spesso questa strumentazione dovrà essere portatile.

In pratica un circuito elettrico formato da elementi differenti restituiranno un suono diverso rispetto a quello originale.

Impedenza, bilanciamento e risposta in frequenza sono le tre principali variabili sulle quali è possibile intervenire ed ascoltare il suono come più ci aggrada.

I parametri da prendere in considerazione quando di acquista una amplificatore per cuffie sono due:

  • Sensibilità;
  • Impedenza.

La sensibilità delle cuffie

La sensibilità delle cuffie viene normalmente misurata in decibel (dB). Nello specifico la misura data sono i decibel che le cuffie offrono con un segnale di 1 mW (misurato in dB/mW) da accorciare. Più alti sono i decibel, più volume alto restituiranno le cuffie. Va tenuto presente che da 120 dB  l’orecchio umano inizia a sostituire la sensazione del suono con la sensazione del dolore.

Amplificatori per cuffie professionale: l’impedenza

L’ impedenza è la resistenza elettrica misurata in ohm (Ω). Maggiore è l’impedenza, maggiore è la resistenza, il che significa che sarà necessaria più potenza per far funzionare le cuffie. Le cuffie più grandi e di qualità superiore hanno in genere un’impedenza maggiore, da 32 a 600 ohm. Per ottenere la migliore qualità del suono con un’alta impedenza, si consiglia vivamente di utilizzare un buon amplificatore quindi, soprattutto in ambito lavorativo.

Normalmente, con un’impedenza di 32 o più ohm il rumore tende a scomparire. Le più comuni sono le cuffie da 16 ohm, le cuffie on-ear da 32 ohm e le cuffie on-ear da 32 o più ohm. 60-80 ohm saranno più che sufficienti per una buona qualità del suono senza la necessità di un amplificatore. Sopra i 100 e fino a 600 ohm si dovrà invece considerare seriamente l’utilizzo di un buon amplificatore.

Questo accade perché spesso i produttori di computer portatili e di smartphone, tendono a risparmiare sulla componentistica che si occupa della riproduzione del suono. Per questo motivo in molti casi gli amplificatori sono assolutamente necessari.

I vantaggi di un amplificatore di buona qualità

I vantaggi di questi strumenti sono svariati a cominciare ovviamente dalla resa sonora restituita enormemente migliore.

Inoltre gli amplificatori per cuffie professionali avranno la possibilità di agire sulla profondità del suono (alti, bassi e medi) grazie ad un equalizzatore.

In pratica, se si possiedono delle cuffie di qualità media, con un buon amplificatore sarà possibile ottenere risultati quasi pari a quelli che so otterrebbero con un paio di cuffie d’élite.

Attenzione però, se le cuffie sono scadenti l’amplificatore non le tramuterà in strumenti potenti. Del resto stiamo pur sempre parlando di tecnologia e non di magia.

Quanto costa un amplificatore per cuffie professionale

La fascia di prezzo è molto varia ma in questo specifico caso parliamo di strumenti professionali.

L’utente che prenderà un amplificatore per cuffie di estrema qualità non se la caverà, purtroppo, con un prodotto di fascia medio bassa che va dai 20 fino ai 60 euro circa.

A seconda del lavoro che bisognerà fare è meglio considerare prodotti di ottime marche che partiranno dal 150 euro in su. In generale i prodotti top di marca arriveranno a prezzi fino ai 600 euro circa ma c’è da stare sicuri che con prodotti del genere ascoltare la musica sarà come farlo per la prima volta.

Nato a Roma nel 1979 ha lavorato per anni nel settore della ristorazione. Appassionato di musica, letteratura e tecnologia, sfrutta queste sue passioni per l’attuale lavoro, articolista SEO per portali Web di ogni genere.

Back to top
menu
amplificatoripercuffie.it