Quali amplificatori per cuffie semiprofessionali scegliere? Prodotti, prezzi, recensioni

Le cuffie sono attualmente molto popolari. Tuttavia, a volte capita che ci sia una leggera delusione dopo l’acquisto. Il modello scelto non si comporta come ci aspettavamo. Ci possono essere diverse ragioni per questo, ma molto spesso si tratta di una potenza insufficiente nel sistema responsabile dell’amplificazione. In questo articolo spiegheremo se tutte le cuffie necessitano di un amplificatore per cuffie semiprofessionale e se si quando.

Cos’è un amplificatore per cuffie?

Un amplificatore per cuffie è un circuito elettronico separato responsabile dell’amplificazione del segnale proveniente dalla sorgente. Quindi può essere parte di un altro dispositivo, ad esempio uno smartphone, un lettore CD o un amplificatore. In questo caso, i produttori utilizzano molto spesso circuiti integrati molto semplici, caratterizzati da una bassa potenza di uscita e una struttura molto semplice. Utilizzando questa soluzione, non raggiungeremo un livello sonoro elevato.

Un amplificatore per cuffie è anche definito come un dispositivo in un alloggiamento separato che ha un percorso del segnale progettato in modo appropriato e componenti di qualità superiore. Ciò si traduce in una maggiore potenza e in una minore distorsione.

Impedenza ed efficienza delle cuffie

Le cuffie, come gli altoparlanti, sono dotate di trasduttore elettroacustico. Quando gli si invia un segnale, l’altoparlante, e più specificamente la sua parte, cioè la bobina, presenta una certa resistenza. Da qui deriva l’impedenza delle cuffie.

Vale la pena ricordare la relazione di base: minore è l’impedenza delle cuffie, meno saranno performanti le cuffie. Quelle con un’impedenza di 16 ohm o 32 ohm sono chiamate a bassa impedenza. Ciò significa che non richiedono una grande potenza per azionarli. La stragrande maggioranza delle cuffie per telefoni ha proprio questa impedenza. Quando si scelgono delle cuffie over-ear, dedicate soprattutto all’ascolto stazionario, possiamo essere quasi sicuri che abbiano un’impedenza molto più alta, che è, ad esempio, 250 ohm. Le cuffie semi professionali dovrebbero avere un impedenza di minimo 60 ohm.

Quali cuffie acquistare?

Ora che abbiamo spiegato cos’è un amplificatore per cuffie e discusso l’importanza dell’impedenza delle cuffie, è il momento di rispondere a una domanda importante: quali cuffie hanno bisogno di un amplificatore per cuffie?

Come già accennato, le cuffie possono essere suddivise in cuffie a bassa impedenza e ad alta impedenza. In generale, maggiore è l’impedenza delle cuffie, maggiore sarà la potenza necessaria per utilizzarle. L’utente dovrebbe ricordarsi di tenere in considerazione l’efficacia delle cuffie oltre all’impedenza. Perché se forniamo un segnale con la stessa tensione a due paia di cuffie, una delle quali ha un’efficienza inferiore e l’altra ne ha una maggiore, risulterà che il primo modello suonerà più forte dell’altro.

L’impedenza delle cuffie va quindi considerata insieme all’efficienza. Dobbiamo aggiungere, tuttavia, che si tratta di una semplificazione. A volte si scopre che anche le cuffie a bassa impedenza, a causa della costruzione del trasduttore e della bassa efficienza, necessitano di un amplificatore per cuffie. I sintomi più importanti che indicano la necessità di acquistare un amplificatore per cuffie sono volume insufficiente e toni bassi. Con alcuni modelli di cuffie, la mancanza di alimentazione provoca un completo sconvolgimento del bilanciamento tonale.

Quanti soldi dovrei spendere per l’acquisto di un amplificatore per cuffie?

Gli utenti che cercano un amplificatore per cuffie spesso si chiedono quanti soldi servono. È difficile fornire una fascia di prezzo specifica, poiché dipende da molti fattori.

Alcune persone seguono la regola che più costose sono le cuffie, più costoso è l’amplificatore per cuffie di cui hanno bisogno. Prima di tutto, dovresti analizzare i parametri sopra menzionati. Maggiore è l’impedenza e minore è l’efficienza, migliore e quindi più costoso sarà l’amplificatore per cuffie. Nel caso di cuffie più economiche è sufficiente un amplificatore per cuffie con una potenza di uscita inferiore a 0,5W. Gli amplificatori per cuffie più economici sono destinati a cuffie che non richiedono molta potenza.

Amplificatori per cuffie – tipi

Amplificatori per cuffie a transistor: di gran lunga il tipo di dispositivo più popolare. È difficile definire le caratteristiche del suono di questi design, perché molto dipende dal produttore e dalle tecnologie utilizzate. La fascia di prezzo è molto ampia: da circa 50 euro ai 400 o 500 euro. La differenza di prezzo è dovuta ai componenti utilizzati, alla potenza erogata e alla funzionalità.

Amplificatori per cuffie a valvole:  Mentre nel caso degli amplificatori stereo la loro potenza risulta spesso insufficiente, in questo caso svolgono egregiamente il loro lavoro. Gli amplificatori per cuffie a valvole conferiscono alle cuffie un suono caldo e sottile che ha trovato molti seguaci. Indubbiamente per un prodotto semi professionale questa è la scelta migliore.

Amplificatori per cuffie ibridi:  È vero che gli amplificatori per cuffie ibridi non si trovano spesso, ma tra i design disponibili sul mercato ci sono molti modelli che meritano attenzione. L’uso dell’amplificazione ibrida consente di combinare i vantaggi di valvole e transistor, il che dà risultati sonori soddisfacenti.

Amplificatori per cuffie portatili : sono alimentati da batterie. Consentono l’ascolto praticamente in tutte le condizioni: in treno, in autobus o in una sala d’attesa.

Nato a Roma nel 1979 ha lavorato per anni nel settore della ristorazione. Appassionato di musica, letteratura e tecnologia, sfrutta queste sue passioni per l’attuale lavoro, articolista SEO per portali Web di ogni genere.

Back to top
menu
amplificatoripercuffie.it